Il valore inestimabile della mappa del subway di New York creata da Vignelli

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Tutti sanno che New York è una metropoli in costante movimento. La metropolitana, in funzione 24 ore su 24 è uno dei fattori che danno diritto a questa fama. È uno dei sistemi di metropolitana più antichi, trafficati e complessi al mondo. Per poter fornire un buon servizio ai i pendolari, il design dell’informazione aiuta ai newyorkesi e i turisti a navigare facilmente in questa metropoli. Indubbiamente, la mappa della metropolitana di New York gioca un ruolo importante. C’è una storia controversa dietro questa mappa.

La mappa della metropolitana di New York City è stata creata fin dalla sua progettazione nel 1904. All’inizio, è stato creata separatamente senza coerenza da tre diverse aziende che hanno costruito diverse parti della metropolitana. Fino alla fiera mondiale di New York del 1964/1965, la NYCTA (New York City Transportation Authority) iniziò a pensare di progettare una nuova mappa coerente e completa. Dopo un concorso che non ha prodotto dei vincitori per la progettazione di mappe, la NYCTA assunse Unimark International per fare il lavoro su raccomandazione del Museum of Modern Art nel maggio 1966. Massimo Vignelli, noto per la sua versatilità e modalità di pensiero progettuale deliberato, uno dei fondatori dello studio di design, si coinvolse nel progetto e la sua mappa ottene attenzione e discussione continua nel settore del design. La mappa di Vignelli fu pubblicata nel 1972 ma fu sostituita nel 1979. La nuova mappa fu progettata da John Tauranac, la quale fu esternalizzato da Michael Hertz Associates, in uso fino ad ora.

Mappa di Vignelli della metropolitana di New York
Mappa della metropolitana di Tauranac a New York

Furono diverse le motivazioni per la sostituzione.

1. Alcuni newyorkesi continuavano a sostenere la NYCTA per sostituire la mappa di Vignelli con una nuova perché non potevano tollerare che Vignelli ignorasse l’accuratezza geografica e progettasse un diagramma invece di una mappa. In particolare Central Park, orgoglio dei newyorkesi, era rappresentato come un quadrato grigio piuttosto che un rettangolo allungato tre volte. Inoltre, le strade di New York City sono state progettate in modo uniforme e prendono il nome da un sistema numerico. Per comunicare messaggi in modo efficiente, Vignelli ha messo dei puntini in modo uniforme per rappresentare le fermate dei treni per i pendolari contando facilmente le fermate, ma riuscì unicamente a trasgredire l’idea impressa dei newyorkesi sul loro modello di strada. Inoltre, le acque che circondavano New York furono disegnate di colore beige. Nel complesso, Vignelli ha progettato un diagramma anzichè di una mappa geografica. Questa “mappa” sfidò apertamente le nozioni convenzionali dei newyorkesi su come doveva essere una mappa, il che ha offeso il loro punto di vista sulla città che amavano.

• Il quadrato grigio rappresenta Central Park nella mappa di Vignelli
• L’attuale Central Park è un rettangolo

2. Le difficoltà finanziarie a New York hanno portato a degli errori nella realizzazione del progetto. La NYCTA non aveva abbastanza soldi per pagare la progettazione del sistema visivo della metropolitana. Pertanto, il reparto ha preso solo l’analisi e la suggestione del team di progettazione Vignelli e ha generato il progetto senza il coinvolgimento del team, il quale provocò del chaos. Anche se in seguito, il reparto ha chiesto al team Vignelli di progettare uno schema sistematico, NYCTA Graphics Standards Manual, isolarono la guida del team e la sua supervisione. Questa cooperazione si allontanò dall’intenzione e dai principi originali del team di progettazione, di conseguenza comunicando dei messaggi sbagliati ai pendolari.

3. Durante la progettazione della mappa della metropolitana, Vignelli stava eseguendo il suo concetto “punto-a-punto” e il concetto non fu inseguito in profondità. Egli non voleva condividera questa informazione con i passeggeri, la quale avrebbe portato unicamente confusione. L’intenzione principale di Vignelli era semplicemente di indicare alle persone dove andare e dove scendere sottoterra. È probabile che avendo escluso Central Park dalle indicazioni avrebbe fatto diminuire lo sconcerto dei newyorkesi su questa mappa non convenzionale, perché l’astrazione di Central Park ha reso la mappa della metropolitana di Vignelli una situazione difficile.

Sono passati 42 anni da quando la mappa di Vignelli è stata sostituita, ma il dibattito intorno ad essa non si è mai fermato. E tecnicamente la mappa di Vignelli è ancora migliore di quella che viene utilizzata attualmente.

Le mappe della metropolitana più apprezzate al mondo sono tutte diagrammatiche. Queste sono: la mappa della metropolitana di Londra, la mappa della metropolitana di Mosca, la mappa della metropolitana di Berlino e la mappa della metropolitana di Washington D.C. Nessuna di queste mappe rispetta fedelmente l’accuratezza geografica, e condividono lo stesso concetto con il Subway Map Design di Vignelli.

Questi sono alcuni dei motivi per cui la mappa di Vignelli funziona meglio.

Controllo

Rispetto all’attuale mappa della metropolitana di New York, la mappa di Vignelli rende le persone emotivamente ottimiste dando loro un senso di controllo. Nella mappa di Vignelli, tutte le linee ferroviarie vengono specificate orizzontalmente, verticalmente o diagonale di 45 gradi. Dando indicazioni in modo più semplice e più facile da elaborare per il cervello dei pendolari. Questo facilita la familiarità dei pendolari con la mappa, in modo che il senso di controllo aiuta ad aumentare la calma, la fiducia e il senso di sicurezza .

Scansione

La Mappa di Vignelli ha una maggiore capacità di scansione. Per scansione si intende la capacità degli utenti per raccogliere le informazioni di cui hanno bisogno e dunque di costruire una familiarità subconscio o inconscio in un breve momento. Nell’attuale mappa della metropolitana di New York, le linee dei treni sono disposte come se fossero un piatto di spaghetti, sparso a caso. Aggiunge più difficoltà alle menti dei pendolari per rilevare e trovare collegamenti e indizi sulla mappa. Ma guardare la mappa di Vignelli è un sollievo per i nostri occhi e le nostre menti. Altre mappe di metropolitana di successo condividono il concetto di Vignelli anche valore di scansione. Per esempio, c’è un grande cerchio nella mappa della metropolitana di Mosca. Ad un primo sguardo le fermate principale di trasferimento all’interno del cerchio sono molto visibili. Prendete Washington D.C Subway Map come un altro esempio. La mappa della metropolitana di Washington D.C evidenzia le stazioni più importanti di trasferimento con dei punti doppi. Inoltre, la collocazione intelligente di Potomac River e Anacostia River indica agli utenti che l’area centrale si trova nella parte sud-occidentale della città. Per una prima esperienza come passeggero in questa metropolitana, un uso continuo può dare la possibilità di un senso della struttura della città . Così la mappa della metropolitana di Vignelli è più utile per una persona nel riuscire ad adattarsi ad un sistema di trasporto complesso come quello a New York City.

Mappa della metropolitana di Mosca
Washington, D.C. Mappa della metropolitana

Visione periferica

Scientificamente, la mappa della metropolitana di New York non deve descrivere la geografia della città per essere visivamente utile. Un esperimento sulla visione periferica, condotto dal MIT Vision Lab, può dimostrarlo. È stato testato sulla mappa della metropolitana di Boston. La visione periferica è la parte della visione che avviene al di fuori del centro dello sguardo. Il MIT Vision Lab sperimentò la quinta e la sesta mappa della metropolitana di Boston. Il sesto sembra geometricamente più rigido, tagliente e meno curvo. Il laboratorio fece il calcolo basato su una persona che fissando direttamente alla fermata Kendall/ MIT sulla linea rossa per vedere il mongrel sulle due versioni. Il risultato ottenuto dimostrò che la linea 6 riesce a mantenere una visione più chiara della quinta linea. Se questo esperimento venisse applicato all’attuale mappa della metropolitana di New York e alla mappa di Vignelli, non esiste ragione che evidenzi che la mappa attuale abbia un risultato migliore perché è molto più complicata e indisciplinata. La visione periferica può essere un indicatore per i progettisti di esperienza dell’utente durante la progettazione di una mappa. Consente ai progettisti di creare una struttura di informazioni che possa aiutare agli utenti a elaborare in modo consapevole e inconscio le informazioni per trasportarsi, ed in modo efficiente ad acquisire familiarità con nuove conoscenze.

• La quinta mappa della metropolitana di Boston
• Schema computerizzato della quinta mappa della metropolitana di Boston
• Mappa della sesta metropolitana di Boston
• Schema computarizzato della sesta mappa della metropolitana di Boston

L’applicazione dello spirito di Vignelli

Sebbene la mappa della metropolitana di Vignelli non sia utilizzata ufficialmente, il suo concetto di progettazione della mappa della metropolitana viene tramandato a New York City. Nel 2011, la MTA ha introdotto una mappa digitale e interattiva, una reinterpretazione della mappa della metropolitana di Vignelli, per mostrare agli utenti i cambiamenti del servizio durante il fine settimana. Nel 2014, il diagramma di transito regionale del Super Bowl NY / NJ è stato progettato da Vignelli Associates, riportando lo spirito e intenzione di Vignelli. Il ritorno dell’ethos di Vignelli è la prova migliore che il suo progetto di mappa della metropolitana è prezioso per la Città di New York.

• “The Weekend”, per aver notificato le modifiche al servizio del fine settimana della metropolitana di New York
• Mappa dei trasporti di massa del Super Bowl di New York / NJ 2014

Conclusione

In conclusione, ci sono ottimi spunti dalla storia della mappa della metropolitana di New York. È importante studiare casi diversi quando si progettano cose che mirano ad aiutare la vita delle persone più facilmente. In anzitutto, bilanciare la familiarità e la non familiarità per gli utenti nel momento in cui viene introdotto un territorio sconosciuto per loro. Una volta che gli utenti vengono esposti ad uno spazio nuovo, hanno come priorità la familiarizzazione di questo spazio. Vogliono sentirsi a casa. Nella Vignelli Map, c’è un’eccessiva non familiarità per i newyorkesi. Una mappa che non aveva l’apparenza di una mappa. Il loro adorato Central Park dava l’impressione di essere di dimensioni più piccole. Il comodo sistema numerico stradale fu ignorato. Queste che sfidavano il movimento e le nozioni quotidiani impresse nelle menti dei newyorkesi. Avrebbe potuto avere un approccio diverso se Vignelli avesse rimosso il simbolo di Central Park per renderlo più schematico e astratto, il che porta a un secondo punto: identificare le informazioni focali per gli utenti, l’informazione utile e non utile. Ricordando quelle grandi mappe della metropolitana del mondo, i loro progettisti hanno inserito la rete e la struttura integrata della città. Ad esempio, la mappa della metropolitana di Londra e la mappa della metropolitana di Washington DC indicano l’area in cui si trova la maggior parte delle stazioni principali di trasferimento, indicandole con dei punti. Le mappe della metropolitana di Berlino e Mosca hanno una forma distintiva per massimizzare le informazioni ottenute al primo sguardo di un utente. Rispetto a queste mappe, la mappa della metropolitana di New York City rivela informazioni più ricche, persino i laghi nei parchi, il contorno complesso di ogni distretto. However, there is unnecessary information given a similar hierarchy with the essential, which prevents users from -building logic, patterns, and connections within the city. Ultimo ma non meno importante, i designer sono responsabili di accompagnare i clienti attraverso ogni fase della progettazione, dall’ideazione al completamento. È importante sapere non solo per i designer ma anche per i clienti. È un processo continuo tra i clienti ei loro designer. I clienti dovrebbero credere nella capacità professionale dei designer. Nella storia della mappa della metropolitana di New York, la guida dei designer era assente, il che ha portato a una deviazione nel risultato.